Flussi migratori con Nello  Scavo

 

Intervista a Nello Scavo

 

FLUSSI MIGRATORI - incontro con il reporter NELLO SCAVO

Venerdì 22 Novembre le classi V  AT, M, N, P, Q  e IV BT, N in un incontro aperto a tutti gli Istituti Superiori e organizzato dalla Caritas di Pesaro presso la sala del Cinema Loreto, hanno  incontrato il giornalista di “Avvenire” NELLO SCAVO per confrontarsi su di un tema complesso : “L’evoluzione delle rotte migratorie nel bacino del Mediterraneo”. Il giornalista siciliano, reporter internazionale, cronista giudiziario e corrispondente di guerra, è attualmente sotto tutela per aver condotto un’inchiesta sul traffico di essere umani dalla Libia portando allo scoperto il ruolo, a dir poco inquietante, di Abd al-Rahman al-Milad. L’ambiguo aguzzino di migranti, noto come Bija, ufficiale dell’unità della guardia costiera libica “Tallil”, si è rivelato partecipe di accordi con l’Unione Europea, per la gestione e il contenimento dei migranti, che si sono tradotti in campi di detenzione “lager”.

Nello Scavo, parlando del proprio impegno di reporter, ha paragonato il giornalismo d’inchiesta al “gioco dell’unire i puntini”: in una situazione di “bulimia informativa”, in cui siamo continuamente bombardati da una serie di notizie “emotive”, è importante saper approfondire e collegare le cose fra di loro, per cercare di ottenere un quadro completo delle cause legate ad un particolare fenomeno così complesso e sfaccettato come quello dei flussi migratori.

Ad oggi è più facile limitarsi a commentare i fatti senza preoccuparsi di conoscerne a fondo i veri motivi, e gran parte dei cittadini europei traducono questo fenomeno come una vera e propria “invasione”, facendosi condizionare da notizie molto spesso non veritiere, diffuse in rete con il preciso scopo di alimentare la paura verso il migrante.

Inizialmente i flussi migratori si sono diretti verso i paesi arabi, in cerca di migliori condizioni di lavoro e di vita, ma, a causa dei numerosi conflitti sorti negli ultimi anni, si sono visti costretti a spostarsi nuovamente. I trafficanti approfittano di questa situazione per arricchirsi e consigliano loro di dirigersi verso l’Europa. È importante sottolineare che uno dei principali finanziatori “indiretti” della situazione di guerra continua dell’area mediorientale è proprio l’Italia, in quanto produttrice ed esportatrice di armi.

L’incontro con Nello Scavo, non è stata una semplice conferenza ma una vera e propria esperienza: siamo entrati con un punto di vista generale sulla questione e ne siamo usciti con nuove consapevolezze, più domande e voglia di approfondire.

LA CLASSE 5°M

 

L'audio dell'incontro con Nello Scavo

 

 

Pubblicata il 05 dicembre 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.